sabato 8 novembre 2008

Fake-blog "undicisettembre": "Una barzelletta che non fa ridere..."

Conoscete quella barzelletta, dove c’è il capo degli spermatozoi che domanda agli altri di sfondare tutt’insieme un “muro” e poi si ritrovarono tutti… “da un’altra parte”?!!!

La domanda era più o meno questa: “Allora, vogliamo sfondarlo questo maledetto muro?”

…la risposta, ovviamente, in coro: “Siiiii!!!”

La modalità delle domande contenute nelle FAQ di Attivissimo sull’edificio 7 del WTC di New York, mi ricorda proprio quella della domanda del capo degli spermatozoi nella barzelletta…

In queste “FAQ” di Attivissimo si legge una sequela di domande che non pongono quesiti rilevanti intesi a chiarificare i dubbi che il NIST invece ha sollevato col suo nuovo rapporto sul sospetto crollo dell’edificio “7”. Al contrario, attraverso le "rispostine" di queste, sembra che i “debunker” vogliano offrire al pubblico la falsa sensazione che tutto è tranquillo, non c’è nulla di sospetto intorno ai crolli di 3 grattacieli in un giorno solo e che le persone che dubitano delle versioni governative relative a tali eventi non godono di credibilità in quanto fomentate da un sentimento anti-americano o affascinate dal concetto di "cospirazione".

Tutto questo è ridicolo, nella migliore delle ipotesi…

I rapporti del NIST sono pubblicati qui: http://wtc.nist.gov/

Il NIST attraverso le osservazioni delle simulazioni appaltate a corporazioni filo-governative inserite nell’ex-BMAG (Blast Mitigation Action Group), ha espresso delle giustificazioni naturali in relazione ai sospetti crolli delle torri gemelle e del WTC7.

I “debunker” ratificano ciecamente queste spiegazioni e lo fanno essendo certi di non sbagliare.


Riporto, parzialmente, quante “anomalie” ho rintracciato su una soltanto delle c.d. “FAQ” del nostro “accorto” madre-lingua “debunker”, attingenti esclusivamente dalle spiegazioni, rilasciate nel rapporto del NIST. Non da una verifica accertata di questo, ma probabilmente falsificate da una propaganda del tutto personale e al pubblico mantenuta evidentemente celata.

http://undicisettembre.blogspot.com/2006/07/faq-ledificio-7-del-world-trade-center.html

Con il numero “1°” ho segnalato un passaggio che può ricondursi all’incipit allegorico di questo articolo e, leggendo quanto poi si trova dopo nel fake-blog “undicisettembre”, al tenore farsesco delle botte-risposte in stile NIST che li si pubblicano!

Nel "2°" punto ho segnalato una menzogna bella e buona di Attivissimo, poiché non è assolutamente vero che “nessun esperto di settore, di nessun paese al mondo, la contestata in modo documentato(la “ricostruzione tecnica” del NIST) [affermazione copiata integralmente dal fake-blog “undicisettembre”].”

A parte la forma grammaticale italiana del verbo “annegato” in un articolo tutt’insieme del DJ-“debunker”, ma, di esperti di settore che questo rapporto del NIST l’hanno contestato, ce ne sono, e proprio da una Compagnia degli Stati Uniti, che per altro si distacca totalmente dalle c.d. “teorie alternative” dell’11 settembre 2001. Quindi dovrebbe essere credibile anche per i “debunker”. Nonostante ciò, viene da loro ancora ignorata.

Questa Compagnia è la “Council on Tall Buildings and Urban Habitat” che non teme il confronto con la versione ufficiale rilasciata dal NIST secondo cui, all’apice del collasso del WTC7, s’imputerebbe al cedimento della colonna 79 la conseguenza di un cedimento progressivo di cui tutti, attraverso le immagini disponibili ovunque in rete, ne abbiamo visto le fattezze:

http://www.ctbuh.org/AboutCTBUH/Overview/tabid/55/Default.aspx

Le parole di un estratto dell’analisi effettuata dalla Compagnia sono inequivocabili:

"The Council does not agree with the NIST statement that the failure was a result of the buckling of Column 79. We believe that the failure was a result of the collapse of the floor structure that led to loss of lateral restraint and subsequent buckling of internal columns."

http://www.ctbuh.org/Portals/0/People/WorkingGroups/Fire&Safety/CTBUH_NISTwtc7_%20DraftReport.pdf

Trad: Il Concilio non è d'accordo con l'affermazione del NIST secondo cui il fallimento fosse il risultato del cedimento della colonna 79. Noi crediamo che il fallimento sia stato il risultato del crollo della struttura dei piani che ha indotto una perdita di resistenza laterale ed al cedimento successivo delle colonne interne.

…forse è ancora presto, sebbene 7 anni siano già passati, per avere una puntualizzazione riguardante anche “il crollo della struttura dei piani” da parte di Compagnia, ma è certo che può rientrare saldamente tra quelle che il NIST lo hanno contraddetto eccome. Senza simulazioni appaltate a nessuno…

Come abbiamo visto, vuoi per ignoranza, vuoi per arroganza o vuoi per propaganda, Attivissimo inganna gli utenti del suo pubblico spudoratamente e lo fa proprio in un approfondimento che, anziché dirimere, dimostra, per l’ennesima volta, la totale inaffidabilità del metodo di “debunking” sostenuto finora dal sedicente “gruppo di ricerca” di cui fa parte.

Ingiustificabile dire quindi che Attivissimo non avrebbe potuto sapere di questo (non unico) contrasto, perché insieme al suo sparuto “gruppo”, col quale ha formulato dette “FAQ”, è a conoscenza di tutto ciò che avviene sul sito Luogocomune”, minuto per minuto…

…e, proprio lì, si trova la nozione sopra suggerita già dal 14/10/2008.

Ce l’avevo messa io, ma probabilmente non aveva superato il duro esame, come da proprio approccio pseudo-scientifico di rito dei “debunker”:

http://www.luogocomune.net/site/modules/newbb/viewtopic.php?topic_id=4678&forum=5

Come avrò più tempo spero di tradurre qualche altro estratto dell’utile revisione che ha fatto la Compagnia basata all’Illinois Institute of Technology di Chicago


3°) La prima “FAQ” di Attivissimo è quindi una ripetizione a pappagallo di quel che si è potuto riassumere frettolosamente dalle spiegazioni riportate sul contrastato rapporto del NIST in relazione al collasso del WTC7. Nient’altro.

Appare del tutto contraddittorio scrivere che modalità di crollo del WTC7 conosciute come collasso progressivo debbano rappresentare il primo esempio del caso specifico del crollo dell’edificio in questione. E’ senz’ombra di dubbio un’affermazione fuorviante…

Nel quarto punto sottolineato c’è un altro segno evidente dell’incongruenza delle affermazioni di Attivissimo & c.. Infatti sebbene abbiamo a disposizione poche foto della facciata ovest del WTC7, nel caso della facciata sud, queste foto non sono presenti per poter permetterne la determinazione di una conferma, anche da parte del pubblico, in seno alle conclusioni rilasciate dal NIST.

Per l’appunto tali foto della facciata sud del WTC7 sono state oggetto di richieste FOIA (Freedom Of Information Act) al NIST che di rimando non ne ha permesso in nessun modo né totalmente e né parzialmente la loro divulgazione.

Qui di seguito si può controllare quali siano stati gli esiti di alcune di queste ripetute richieste FOIA al NIST… e i relativi esiti:

http://s1.zetaboards.com/LooseChangeForums/topic/52299/1/

Non c’è verso di avere un riscontro ragionevole nelle ricerche effettuate dai “debunker”: nel 5° punto troviamo un’altra magagna. Il NIST stabilisce che incendi siano stati alimentati dalla mobilia e altro materiale infiammabile contenuto all’interno dell’edificio. Il gruppo “undicisettembre” pare "sposare" totalmente questa teoria ripetendola come un disco rotto e senza preoccuparsi se sia stata accettata o ne sia stata controllata la veridicità… In merito al fatto che “nessun esperto di settore abbia contrastato il NIST”, c’è invece un altro gruppo di esperti che nei pochi giorni autorizzati dal NIST per gli accoglimenti dei commenti (3 settimane contro un’analisi durata 3 anni…), a seguito della pubblicazione del rapporto, è riuscito a formulare una richiesta dettagliata di delucidazioni proprio nel dettaglio specifico della mobilia quale alimentatore d’incendi nel WTC7:

http://www.911blogger.com/node/17794

Il pezzo è stato totalmente tradotto e riportato fedelmente su “luogocomune” dal sottoscritto insieme ad altri 5 utenti, per cui, chi preferisce, può leggerlo in italiano anche qui:

http://www.luogocomune.net/site/modules/newbb/viewtopic.php?topic_id=4648&start=30

Nella fattispecie il punto d’interesse è il seguente:

Combustible Fuel Loading on Floors 11 and 12 (titolo del paragrafo al link originale in lingua inglese)

"Carico del carburante combustibile sui piani 11 e 12

COMMENTO: Questo commento si riferisce ai presupposti del NIST per quanto riguarda il carico del carburante combustibile all’11° e 12° piano. In NCSTAR 1-9, alla Pagina 375 (paragrafo 1, sent.[?] 7-9) il NIST attesta:

""Il NIST ritiene che la massa combustibile di mobilia fosse quasi uguale in un ufficio quanto in un cubicolo. Poiché il carico di altri combustibili è stato segnalato essere elevato al piano 11° e 12° (capitolo 3), il NIST ha supposto che la massa combustibile totale in un ufficio era doppia rispetto a quella di un cubicolo. Quindi, il carico di carburante combustibile medio all’11° e 12° piano è stato valutato come 32kg/m2.""

Tuttavia, il capitolo 3 ci dice che, al contrario delle asserzioni nel capitolo 9 del NIST, il carico di altri combustibili non è riportato risultante elevato al piano 11° e 12°. Alla pagina 55 (paragrafo 6, sent. 1) del NCSTAR 1-9, il NIST segnala che la Commissione delle Operazioni di Borsa degli Stati Uniti ha occupato i piani 11° e 12° ed il lato nord del piano 13°. Alla pagina 56 (paragrafo 1, sent. 1) il NIST aggiunge ulteriormente che American Express ha occupato il settore di sud-ovest del piano 13°. Alla stessa pagina, il NIST segnala che “il carico combustibile negli uffici è stato descritto come elevato dai responsabili di American Express intervistati” (NCSTAR 1-9, P. 56, paragrafo 4, trasmesso. 3)

MOTIVO PER IL COMMENTO: rammentando che American Express ha occupato soltanto il settore di sud-ovest del piano 13°. Come, allora, può il NIST sostenere credibilmente che il carico combustibile sia stato segnalato essere elevato, sulla totalità del piano 11° e 12°, entrambi occupati solamente dalla SEC,? Era stato accordato (given) libero accesso, ai responsabili di American Express, negli uffici della SEC, tale che renderli qualificati nel commentare il carico combustibile? Inoltre, i dirigenti di American Express sono qualificati per esprimere un’opinione sulla quantità di carico combustibile rispetto agli uffici nelle torri gemelle?

REVISIONE SUGGERITA: Il personale di American Express è chiaramente competente per fornire soltanto informazioni sulla condizione degli uffici di American Express, limitati al settore di sud-ovest del piano 13°. Il NIST deve fornire il supporto reale per la relativa asserzione che il carico combustibile al piano 11° e 12° fosse elevato per conseguire ogni aumento nel carico combustibile medio valutato su questi piani. Se non può fornire tale supporto, dovrebbe rifare i relativi modelli elaborati dal calcolatore con il carico combustibile più basso su questi piani e segnalare quei risultati alla comunità scientifica ed al pubblico americano."

Certo, vista la prima “FAQ” sul WTC7 di Attivissimo & company sembra chiaro che le successive possano essere la disonesta copia della riproduzione in italiano di quanto asserito dal NIST nel suo rapporto.

Niente, quindi, di così interessante dal punto di vista tecnico o scientifico o chiarificatore in ordine a quesiti sollevati in relazione alle conclusioni del NIST…

A questo punto non rimane che considerare il fake-blog “undicisettembre” una lunghissima e noiosa barzelletta che non fa neppure ridere…

5 commenti:

Anonimo ha detto...

il blog undicisettembre.blogspot.com è una buffonata allo stato puro.... non so come certa gente riesca ad alzarsi al mattino e a guardarsi allo specchio

A.L. Marco White ha detto...

eh bhe.... meno male qualcuno se ne sta accorgendo... il bello è che purtroppo è ancora considerato uno dei siti più attendibili sull'11 settembre... povera Italia... poveri italiani... come diceva il grande gino... "l'è tutto sbagliato.. l'è tutto da rifare..." - si, anche lui si riferiva al sito del MITICO (si fa per dire) Paolo Attivissimo.

stuarthwyman ha detto...

purtroppo è ancora considerato uno dei siti più attendibili sull'11 settembre...

Vorrai dire "più ridicolo"...

Marco hai visto che ho messo il widget di 9/11 blogger? Potresti metterlo su tutti i tuoi blog per favore?
Oggi c'è un articolo molto interessante lì: un ingegnere dell'USACE esprime imbarazzo venendo a sapere che la scatola nera (che si trova nella coda) di AA77 è stata trovata nell'AE-ring del Pentagono, cioè dove ci sarebbe finito il carrello anteriore dell'aereo scavando un buco tondo come un cerchio fatto da Giotto...

A.L. Marco White ha detto...

si, ho visto... spero vivamente che almeno nell'ultimo anno di presidenza, barack "possa" aprire una inchiesta, una vera inchiesta, su quel maledetto giorno... l'11 settembre...
Il fatto è che fare la fine di kennedy è una volata... ma una cosa è certa.... o se lo sono fatti in casa... o sapevano e hanno fatto in modo che accadesse (COSA GRAVISSIMA - come se un bambino di 12 anni lo vedi uscire entrare in casa tua con una pistola e te gli dici "vai vai...caro... ammazza pure tutti quelli che vuoi, che mi fai un favore", oppure sono degli emeriti COGLIONI DEL CAZZO che non riescono ad intercettare nel giro di un ora e mezzo manco uno dei 4 aerei... ma chi vogliamo prendere per il culo.... 2 minuti... massimo 5 per intercettare un cacchio (ZZO) di boeing... sai..fosse un aeroplanino piccolino... e sti coglioni di altri siti ci vengono a raccontare che "ma si.. è possibile.. dai... d'altronde anche se si spende 400.000 bilioni di bilioni di miliardi l'anno nella difesa e nelle forze armate ci sta, ci sta, ci sta, che il 3o e 4o aereo siano sfuggiti ai radar... patetici... ma la colpa non è loro (ANZI SI, ANCHE DI LORO), è colpa sopratutto dei coglioni che ci credono...

ho perso le speranze nel 99 % del popolo italiano.. per fortuna ci sono ancora persone non dico intelligenti, NORMALI, che dicono quello che c'è da dire...

scusate la sfogo ma non ne posso più di essere circondato da persone che mi dicono "eh bhe, chi se ne frega, tanto sono cazzi loro".. ma si, cazzi loro... e poi finiamo in una bella nube radioattiva, come siamo stati vicini nella crisi dei missili a cuba...


ma la speranza non muore mai, la verità trionferà, forse non oggi, forse non domani, ma chi se ne frega, per ora lottiamo per la apertura di UNA VERA INCHIESTA...


ce la faremo


un abbraccio


Marco

A.L. Marco White ha detto...

per quanto riguarda il widget, si, hai fatto bene a metterlo, ho gia incaricato un mio collaboratore di metterlo appena abbiamo risolto un problema su alcuni nostri siti.

ciao

ps. oppure lo metto io, mi diverto troppo a creare e modificare i siti :P